Le 10 cose che non vorrei/vorrei o farei/non farei in un ristorante

– ricevuto da nerina, passo la palla a iaia e mappi, se vogliono. o a chiunque si prenda la briga. –

1. non vorrei pagare il conto

2. se mi si chiede come preferisco condire un piatto che potrei anche non avere mai mangiato (per esempio, non so, dei ravioli panteschi) e nel dubbio rispondo "lascio decidere allo chef", vorrei che lo chef fosse in grado di prendere questa decisione

3. farei le guerre con le palline di mollica, se potessi

4. non farei la solita sceneggiata di far ruotare il vino nel bicchiere, annusarlo e assaggiarlo se il cameriere non mi guardasse con l’aria di sfida

5. vorrei che se uno degli ingredienti principali di un piatto e’ scomparso, questa informazione mi venga data prima che il piatto mi venga servito senza quell’ingrediente, e mi sia data la possibilita’ di ordinare qualcos’altro

6. non vorrei vergognarmi di averci portato qualcuno

7. farei io il caffe’, pur di berne uno decente-non bruciato dopo il pranzo

8. non farei tanto la schizzinosa, a volte

9. vorrei che ogni qual volta mi venga l’idea di ordinarli, qualcuno mi ricordasse che i carciofi alla romana non mi piacciono 

10.  non vorrei avere la sensazione che la digestione non sta andando proprio nel verso giusto, una volta tornata a casa…

10 bis (in qualsiasi locale). non vorrei che il personale desse per scontato che non ne capisco una mazza di vino 
(io: che avete in mescita?
egli: bianco o rosso?
io: entrambi
egli: di bianco chardonnay, sauvignon, gewurztraminer..
io: si ma di che cantina?
egli: aspetta che vedo..
io: …)

 

Annunci