iphonephoto 007stavo cercando qualcosa, non mi ricordo neanche cosa e ho trovato invece l’intera collezione di cassette della nostra famiglia.
praticamente la nostra colonna sonora prima del digitale.

Bob Marley, Beatles, Tracy Chapman, De Andrè, Battisti dei miei. Viaggi in macchina in una favignana assolata e deserta di settembre, con le casette bianche, cubiche, con la scala esterna che porta al "lastraco", tutte uguali, disseminate tra i muretti a secco.

Le cassette di mio fratello, quelle dei ciak, del commodore 64 di elio e le storie tese.

Eppoi le mie, quelle regalate, quelle copiate e le prime comprate. Ma soprattutto quelle anonime. con lo scotch o le pallette di carta a togliere la protezione, registrate e riregistrate un’infinita di volte, con le canzoni delle radio una sopra un’altra, i tentativi di tagliare i jingle della pubblicità e le voci dei dj. E la cosa sorprendente è che riascoltandole – perchè ovviamente le ho riascoltate – me le ricordo tutte, quasi canzone per canzone, riuscendo a volte ad anticipare quella successiva. abilità di memoria cancellate dalla funzione shuffle. iphonephoto 008

praticamente nel sottoscala c’ho una porta spazio-temporale.

Annunci