V giorno 15/09

A parte che ci sembra di stare qui da una vita, abbiamo fatto oggi una serie di dribbling.

Il primo è stato nei confronti della sveglia. Ha suonato alle 6 ma ci siamo alzati alle 6:50. Anche perché Ele ha letto fino a tardi con la torcia, c'era un ventilatore che rendeva piacevole l'aria e per la prima volta avevamo una zanzariera più larga del materasso.

Una volta alzati abbiam sistemato i bagagli: una valigia si chiude male e l'abbiamo riempita di cose che ci auguriamo non ci servano più.

Siamo andati a colazione dove Ele ha sfidato l'ospitalità chiedendo solo un toast: quindi ho mangiato doppia papaya ma solo mezzo bicchiere di succo indecifrabile. Poi OMELETTE, SALSICCIA, TOAST, THE (Gio), TOAST, THE (Ele).

George è stato puntuale come al solito e alle 8 ci è venuto a prendere per portarci via dall'Hotel inquietante.

Ecco il secondo dribbling: Sara la cameriera ci ha accompagnato a prendere i bagagli ma visto che non avevamo spicci abbiamo preso tempo fino a che lei si è dileguata.

Via con la giornata.

Arriviamo alla base del parco delle Udzungwa Falls, raccattiamo una guida di nome Nico e ci spostiamo al punto di partenza del tour. Lì scopriamo che George non viene con noi ma dobbiamo svuotare al volo uno zaino per metterci dentro: 5 litri di acqua, i pranzi al sacco dell'Hotel inquietante e un kilo di banane che George ci consegna per il viaggio.

E via…

Iniziamo la scalata e dopo aver passato alcune baracche d'argilla mi rendo conto che per la prima volta in vita mia vedo dal vivo dei POLLI. Nico cammina piano, sa che bisogna dosare le fatiche: ha dei jeans, scarpe da ginnastica e il suo pranzo in una busta gialla che tiene in mano.

Cominciamo a salire, tra 1 km e mezzo si arriva al view point e si decide: the top or the base of the falls.

Lungo il cammino Nico ci mostra alberi cavi usati per comunicare, altri alberi usati per i drum tradizionali, alberi di mango selvatico, alberi medicali ed altri velenosi. Nico ci mostra anche scimmie che non vediamo e dice cose che non capisco.

Dopo un po' capiamo anche il significato di endemico. Lasciamo la low forest ed entriamo nella high forest dove mi vengono le vertigini per quanto sono alti gli alberi. Fanno impressione. Ele a stento riesce ad arrivare boccheggiante al view point. Siamo stremati ma la vista è mozzafiato. Parliamo per 5 minuti su cosa fare. Andare alla base o al top.

Alla fine decide Nico. Si va al TOP.

Prende lo zaino di Ele e via. Arriviamo alla parte alta delle cascate. Una piscina naturale su cui cade una cascata di 30m. Mi faccio il bagno cercando di non precipitare sulle pietre scivolosissime. Ele si bagna i piedi e si fa fotografare a mo' di timida sirenetta.

Poi ci spostiamo su delle pietre al centro della cascata e mangiamo il nostro pranzo al sacco:

PANE E BURRO (Gio) POLLO (GioEle) SALSICCIE E UOVO (Gio) ARANCIA (Gio) BANANA (Ele).

Fatte ancora una marea di foto in quel luogo spettacolare cominciamo la discesa che non si rivela meno ardua.

Ma vediamo scimmie BLACK WHITE e RED COLOURED e un meraviglioso HONEYBIRD!

Giungiamo alle baracche dove Nico regala due bottigliette d'acqua vuote a due bambini e un'arancia. Ne approfittiamo e regaliamo anche noi un'arancia.

Arriviamo al jeepone svenuti. Bagno, siesta di due minuti e via in macchina verso Mikumi.

Ele dorme durante il viaggio; io vedo 3/4 incendi e arriviamo all'Hotel. Pulitissimo, gentilissimi… ci riposiamo con due KILI mentre George va via.

(George durante il viaggio, a proposito degli incendi, ha accennato ad un "punishment" per chi brucia anche solo una pianta.)

Ele continua la sua immersione in Vargas e io continuo la mia battaglia con Gordimer: ma solo dopo aver iniziato a studiare l'opuscolo che Ftr. Kizito ci ha dato su Hanga.

Domani dormiamo lì. Torniamo in camera per una delle docce più scomode della mia vita e ci prepariamo per la cena ma son solo le 19.00! Fingiamo di fare una passeggiata nel nulla e ci andiamo a prendere un'altra KILI (Ele ha realizzato che la birra costa solo 75 cent di euro). Un altro po' di lettura e via con un'ottima cena.

TRONCHI DI FEGATO, RISO, INSALATA, VERDURA COTTA (Gio) MANZO, RISO (Ele).

Alle 20.15 abbiamo finito e si va in camera a leggere.

(scritto da gio, viaggio planetviaggi)

Annunci