Io che sono vicina alla morte,

io che sono lontana dalla morte,

io che ho trovato un solco di fiori

che ho chiamato vita

perché mi ha sorpreso,

enormemente sorpreso

che da una riva all'altra

di disperazione e passione

ci fosse un uomo chiamato Gesù.

Io che l'ho seguito senza mai parlare

e sono diventata una discepola

dell'attesa del pianto,

io ti posso parlare di lui.

Io lo conosco:

ha riempito le mie notti con frastuoni orrendi,

ha accarezzato le mie viscere,

imbiancato i miei capelli per lo stupore.

Mi ha resa giovane e vecchia

a seconda delle stagioni,

mi ha fatta fiorire e morire

un'infinità di volte.

Ma io so che mi ama

e ti dirò, anche se tu non credi,

che si preannuncia sempre

con una grande frescura in tutte le membra

come se tu ricominciassi a vivere

e vedessi il mondo per la prima volta.

E questa è la fede, e questo è lui,

che ti cerca per ogni dove

anche quando tu ti nascondi

per non farti vedere.

(Alda Merini, Corpo d'amore)

non ci si abitua a trovare parole proprie in quelle delle altre. ogni volta è stupore ed emozione. soprattutto se arrivano attraversando donne che non aspetti.

il femminismo per me comincia da qui.

questo è il primo volume della mia bibliografia ragionata, è deciso.

Annunci